5 momenti di gioia che una mamma si concede raramente



Ma che potrebbero renderla molto felice, aggiungerei. In questi due anni del progetto Magic Mum, ci sono delle costanti tra le mamme con cui parlo. Una di esse è la difficoltà, il blocco vero e proprio nel lasciarsi andare a concedersi di giocare, ridere, stupirsi, dedicarsi del tempo. Insomma, mi capita sovente di parlare con mamme che "si negano" i piaceri più semplici e superflui pensando di non avere più l'età per giocare, di non avere più tempo per indugiare, di non poter più fantasticare. E' lì che mi piace lanciare la sfida e proporre dei semplici compiti da svolgere per mettere alla prova la volontà delle mie clienti di cambiare davvero, di migliorarsi e trovare un equilibrio nel proprio benessere. Ecco quello che accade e cosa propongo: Stasera chiedi al partner di stare con il bebè e tu guarda il tuo film preferito...si e cosa mi invento?...Dì la verità.

Continua




Esprimere le emozioni attraverso la creatività: incontriamo l’operatrice olistica e pittrice del benessere



Oggi vi presento Eliana Santin, operatrice olistica e pittrice di benessere. Eliana ci aiuta a risvegliare la creatività sopita, per ritrovare il senso della nostra vita. E lo fa grazie alla visualizzazione creativa ed altre tecniche espressive, che favoriscono l’espansione del nostro intuito e del nostro sé profondo. Ciao Eliana. Raccontaci di te. Qual è stato il tuo percorso formativo, come sei arrivata ad essere una operatrice olistica e di cosa ti occupi esattamente. Ciao Anna Laura, è un vero piacere rispondere alle tue domande. Ho intrapreso il percorso per diventare operatrice olistica nel 2014 e mi sono avvicinata a questo mondo prima di tutto perché avevo provato sulla mia pelle ciò che voleva dire essere in armonia con corpo, mente e spirito. Di preciso ho conseguito il titolo di operatrice olistica di massaggio bio-energetico e dopo un periodo di esperienza ho compreso che il mio avvicinarmi alle discipline olistiche

Continua




Prenditi cura del tuo bebè amando il bambino che ti porti dentro



Si sente tanto parlare di bambino interiore ma realmente cos'è? Io direi che è la nostra parte infantile che resta sepolta dalle responsabilità dell'età adulta. Talmente ben coperta a volte che ce ne dimentichiamo spesso e volentieri, scordando anche che essa è una parte fondamentale nonché utile di noi, che può ancora guidarci verso scelte sane e che può rappresentare una risorsa importante per noi stessi. Direi che ottimo sarebbe tenerla lì sempre attiva, senza essere eterni Peter Pan, ma sapere come attingere energia da essa quando serve.  Facile? No, però si può fare, a maggior ragione per mamme che frequentano bambini VERI :-) Basta conoscere le tecniche giuste e i vantaggi saltano fuori. Innazitutto, vedere il mondo da un punto di vista diverso è sempre positivo e arricchente e cosa c'è di più stupefacente del mondo visto dagli occhi di un bambino? Poi c'è il contatto con la parte interna di

Continua







Copyright © 2019. Tutti i diritti riservati | Privacy Policy | Cookie Policy